FRAGILI

News Contattaci per maggiori informazioni

Giulia Brescia
Distribuzione
039 9191178
[email protected]

News Lo spettacolo

Un suicidio. Una giovane vita che si spezza. E un’adolescente che resta, un’amica che non capisce.

La rabbia, il dolore, il senso di colpa, la paura di chi deve elaborare un lutto improvviso e incompreso. Un’adolescente che deve tornare a fidarsi della vita, dell’amicizia e di se stessa.

“Cara giornata di oggi, 
ti ho passata tutta a far finta di stare bene quando invece stavo male, a fingere di essere felice quando non lo ero, a fingere un sacco di cose con un sacco di gente. È solo colpa mia. È colpa mia se non riesco a essere normale. Semplicemente, tutto all'improvviso si ferma. Ecco perché conviene fingere di essere come tutti gli altri, anche se hai sempre saputo di essere diverso. A volte mi prende una specie di angoscia e ho come la sensazione di sprofondare. Odio quando mi sento così. Odio questa tristezza. È tutto uno schifo. Io sono uno schifo. Beth”

Mia, 15 anni, un diario tra le braccia, è in bilico sul cornicione della torre dalla scuola.

Mia non sta cercando di morire. Ma vuole capire cosa si prova, cosa passa per la testa di un adolescente che vuole togliersi la vita. Perché qualche mese prima è morta suicida la sua migliore amica Beth. Così, senza un motivo apparente, o almeno senza che Mia avesse mai intuito quale mostro stava divorando dall'interno la sua amica fraterna.

Ma su quel cornicione non è da sola. Accanto apparirà Rebecca, la nuova arrivata nella scuola, schiva, riservata, ribelle e apparentemente invulnerabile. Su quel cornicione salverà Mia e insieme inizieranno un viaggio alla scoperta della loro città, di loro stesse, del dolore che resta dentro chi sopravvive, della forza dell’amicizia che inaspettata e salvifica piomba nella tua vita.

Uno spettacolo che vuole indagare la perdita della speranza che si sta diffondendo come male generazionale, ma anche lo smarrimento di chi rimane orfano di un’amicizia perché la depressione ha avuto la meglio, la ricerca di una verità che comunque non consola, ma che aiuta a permetterci di tornare a sperare.

Dedicato a noi, noi che restiamo in vita. A noi che restiamo inermi davanti ad una vita che si è spezzata, noi che non potevano fare nulla, ma che non è possibile accettarlo. Noi, con la nostra incomprensione, il nostro dolore, la rabbia, il bisogno di capire, di trovare una verità che faccia sentire meno perduti. Resta un viaggio da compiere.

Locandina

FRAGILI


drammaturgia e regia
Valentina Paiano

con
Sara Drago
Roberta Lanave

produzione
Compagnia Teatro Binario 7

Shopping cart Scegli il tuo posto

Vai al carrello -

Questa è la pianta con i posti disponibili nel giorno che hai scelto, usa i tasti + e - per modificarne le dimensioni, clicca e trascina per spostarti, fai click sui posti che hai scelto e completa l'acquisto effettuando il pagamento, riceverai i biglietti direttamente nella tua casella email.

Posto libero
Posto non disponibile
Posto riservato da te
palcoscenico
Loading